Comune e Area marina incontrano gli albergatori per illustrare la pianificazione turistica

Un programma a breve termine con la partecipazione alle prossime Borse del turismo, soprattutto quella di Milano, ma anche nel medio-lungo termine dove il coinvolgimento degli operatori dovrà essere importante per avere quei riscontri che ci si attende dall’offerta dei vari segmenti turistici.
Questa la ragione che ha indotto Comune e Area marina a promuovere questa mattina nell’aula consiliare un incontro con gli albergatori. Presenti l’esperto del sindaco Gaetano Nanì, il presidente dell’Amp, Giovanni Mangano e gli assessori Maurizio Capone (sviluppo economico) e Pasquale Impellizzeri (servizi sociali).

Il presidente Mangano nel constatare che il settore degli albergatori non ha mai partecipato iniziative del Comune e dell’Amp, ha sottolineato che invece la sinergia con i due enti pubblici è fondamentale per avere quelle risposte che ci si attende dal punto di vista turistico e quindi economico. Ha quindi riferito della presenza della città di Milazzo alla Borsa del turismo italiano (Bit) di Milano e la necessità di presentare ai tour operator delle offerte che partendo dal numero di posti letto disponibili, contengano anche precise indicazioni sui servizi offerti. Milazzo sarà presente con due stand e ha già programmato incontri con mass media nazionali interessati alle bellezze della Riserva marina, già peraltro attenzionata nel corso dell’ultimo anno da televisioni e organi di stampa.

Altro passaggio ha riguardato il corso formativo che partirà nel mese di aprile per certificare le strutture ricettive idonee ad accogliere i disabili, aperto a 22 partecipanti.

Una iniziativa importante – ha poi aggiunto l’assessore Impellizzeri – auspicando che possa essere colta dagli operatori, in quanto consente anche possibilità di inclusione lavorativa per i ragazzi disabili.

Mangano ha quindi riferito, dopo aver auspicato che le adesioni ai corsi e alla Bit siano numerose, delle altre iniziative pianificate dal Consorzio di gestione dell’Area Marina. Dalla ristrutturazione delle ex Casermette per la realizzazione di un percorso sensoriale e una sala multimediale per coloro che non possono deambulare e godere direttamente delle bellezze del Capo, ad una nuova gestione della “Piscina di Venere” il cui accesso sarà contingentato per proteggere l’habitat naturale messo a rischio da un numero elevato di visitatori (lo scorso anno sono stati ben 30.000 in soli tre mesi), con la previsione di un ticket di ingresso per i turisti e un abbonamento annuale per i residenti, con costi sostenibili, così come accade praticamente per l’accesso al Castello. “Non possiamo vietare l’accesso a questo luogo straordinario – ha concluso il presidente dell’Amp – ma dobbiamo regolamentarlo per non alterare l’ecosistema”.

Post simili

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: